eugenio alfano

by danielaterrile

LA BARCA SCURA
Eppure lo sapevamo anche noi
l’odore delle stive
l’amaro del partire
(Ritals, di Gian Maria Testa)

“Com’è possibile vivere senza le cose che sono la nostra vita? Spogli del nostro passato non ci riconosciamo. Fa niente, non c’è posto, bisogna lasciarlo, bruciarlo.
E sugli sgabelli superstiti le donne guardavano il loro passato con occhi sognanti e lo bruciavano nella loro memoria. Poi si riscuotevano di soprassalto, e ammucchiavan la roba sull’aia e v’appiccavano il fuoco, ma restavano a guardare con occhi sognanti le fiamme distruggere la loro vita. Poi, frenetiche, aiutavan gli uomini a caricare l’autocarro, e l’autocarro partiva sollevando una nuvola di polvere.”
(da Furore, di John Steinbeck)

“Tutto il carico, uomini e bagagli, si ammucchiò nella barca: col rischio che un uomo o un fagotto ne traboccasse fuori. E la differenza tra un uomo e un fagotto era per il sigonr Melfa nel fatto che l’uomo portava appresso le duecentocinquantamila lire”
(Il lungo viaggio, in Il mare colore del vino, di Leonardo Sciascia)

Naufragi
Nei canali di Otranto e Sicilia
migratori senz’ali, contadini di Africa e di oriente
affogano nel cavo delle onde.
Un viaggio su dieci si impiglia sul fondo,
il pacco dei semi si sparge nel solco
scavato dall’ancora e non dall’aratro.
La terraferma Italia è terrachiusa.
Li lasciamo annegare per negare.
(da Solo andata, di Erri De Luca)

Racconti di uno
(…)
Vogliono rimandarci, chiedono dove stavo prima,
quale posto lasciato alle spalle.

Mi giro di schiena, questo è tutto l’indietro che mi resta,
si offendono, per loro non è la seconda faccia.

Noi onoriamo la nuca, da dove si precipita il futuro
che non sta davanti, ma arriva da dietro e scavalca.

Devi tornare a casa. Ne avessi una, restavo.
Nemmeno gli assassini ci rivogliono.

Rimetteteci sopra la barca, scacciateci da uomini,
non siamo bagagli da spedire e tu nord non sei degno di te stesso.

La nostra terra inghiottita non esiste sotto i piedi,
nostra patria è una barca, un guscio aperto.

Potete respingere, non riportare indietro,
è cenere dispersa la partenza, noi siamo solo andata.

(da Solo andata, di Erri De Luca)

IL BACIO DELL’AMORE
Il bacio.
Ieri il mio bacio
ti ha baciato con il bacio
dell’amore
tra le mie labbra e la tua bocca
non esisteva una condizione
umana
non un verso della storia

il fiato intorno della notte
era una piccola giostra
di bambini.

(da Inedito per una passante, di Dale Zaccaria, Manni 2008)

Ti ho scritto la poesia che più di tutte mi ha preso, catturato! La sua semplicità racchiude in sè un’immagine bellissima, che amo e che mi ricorda anche una delle più belle canzoni di Girogio Gaber sul tema dell’amore, Quando sarò capace di amare. …E allora mi piace pensare al tuo bacio come a una poesia che, proprio negli anni in cui si è raggiunto un “minimo storico di coscienza”, sia un inno alla autenticità, chiarezza e trasparenza del sentire umano. Il non esisteva una condizione/umana/non un verso della storia, penso sia l’immagine centrale della poesia: la naturalezza, la purezza, la non-contaminazione del bacio, dell’amore e dei suoi gesti, estranei ai “fatti umani”, perchè, per dirla con le parole di J. L. Borges, “morire e far morire è un’antica usanza, che suole aver la gente”. Allora l’amore diventa un gesto naturale, non come quando io ragiono/ma come quando io respiro (G. Gaber). Il fiato intorno della notte, con i suoi alveari umani e i simboli del potere economico, fumanti, i palazzi del potere politico e della sua corruzione, le distese di antenne e l’omologazione di massa, diventano solo, agli occhi degli amanti una piccola “giostra di bambini”. Ed è sicuramente la chiave di lettura della realtà stessa, una realtà che non può essere letta e affrontata se alla base, non c’è un attore che riesca a scrostarsi di dosso il peso della “condizione umana” e che si rapporti con l’altro-io con naturalezza e autenticità, perchè anche un gesto semplice-complesso come il bacio, sia davvero il bacio dell’amore.

(Eugenio Alfano a Dale Zaccaria)

Advertisements